Login

Email

Testimonial

Video

Può accadere che le Banche decidano di notificare direttamente un atto di precetto sulla scorta di un mutuo ipotecario o fondiario, senza quindi richiedere un decreto ingiuntivo.

Ciò è possibile poiché generalmente ai mutui è apposta una clausola esecutiva che li rende titoli stragiudiziali utilmente spendibili in sede esecutiva.

 

Avverso tali richieste di pagamento, però, è possibile proporre opposizione.

 

Difatti, l’art. 615 I° co. c.p.c. consente di proporre opposizione all’esecuzione, quando ancora non intrapresa, notificando a controparte un atto di citazione, incardinando così un giudizio di merito.

Quando invece la Banca ha già notificato il pignoramento, è possibile valutare una opposizione all’esecuzione in ragione del secondo comma dell’art. 615 c.p.c., all’esito del quale il Giudice dell’Esecuzione deciderà se sospendere, o meno, la procedura esecutiva.

 

Nel valutare una opposizione all’esecuzione, devono essere attentamente esaminati i titoli, al fine di comprendere se possano ritenersi idonei a fondare una procedura esecutiva, così come va analizzata la pretesa nel merito.

 

Il mutuo, infatti, potrebbe essere affetto da plurime irregolarità e vizi, che vanno da profili di indeterminatezza, all’anatocismo e nei casi più gravi può ricorrere il superamento dei c.d. tassi soglia.

 

E’ quindi importante reperire e studiare il dato contrattuale e contabile e lo Studio dell’Avv. Alessio Orsini è in grado di fornire assistenza per ogni necessità, anche finalizzata alla richiesta e reperimento della documentazione.

Sul sito sono consultabili i numerosi provvedimenti di sospensione delle procedure esecutive o di efficacia esecutiva dei titoli ottenuti in diversi Tribunali Italiani.

Studio Legale Alessio Orsini

Viale Treviri n.202 – 63100 – Ascoli Piceno (AP)

P.Iva: 02113290445 C.F.: RSNLSS79E28F205K
Tel. 0736 263751 Fax 0736 252540
Cell. 371 1566307
Email: info@orsinialessio.it

Seguici su Facebook